Personal Trainer

Al tuo cliente non interessano affatto i tuoi problemi!!

Attento: il cliente non è il tuo confessore!!!

Ti è mai capitato, mentre allenavi come Personal Trainer un tuo cliente, di iniziare a raccontargli tutto di te, quello che ti era successo, cosa stavi facendo, fino ad arrivare addirittura a lamentarti e a sfogarti con lui? Probabilmente sì; almeno una volta una situazione del genere sarà capitata anche a te.

Rifletti: ti sembra possibile? Ti sembra sensato?

Il cliente viene da te per allenarsi, scaricarsi, rigenerarsi, ottenere un risultato; non può diventare il tuo “confessore”. Fa’ attenzione, perché le persone, nel momento in cui inizi a parlare e a sfogarti (pensando che ai clienti faccia piacere sapere i fatti tuoi) pensano proprio il contrario; forse per gentilezza e perché in quel momento sei utile non ti dicono niente, forse ti apprezzano anche come persona, ma loro sono i clienti!!

Prova a immaginare di essere al ristorante:

sei seduto al tavolo con i tuoi amici, o ancora meglio per una cenetta intima, e quello che desideri è ricevere un ottimo servizio, goderti il cibo e vivere una bella esperienza.

Arriva il cameriere, che oltra a chiederti che cosa vuoi ordinare inizia a parlare raccontando che quella sera c’è molta gente, che il servizio è rallentato perché la cucina  è “imballata” e che sarà difficile arrivare a fine serata senza intoppi.

Sicuramente rimani di stucco: non puoi dirgli che hai scelto quel posto per stare in pace e goderti una bella serata… ma lo pensi!

La serata prosegue e ad ogni portata il cameriere continua il suo monologo, dicendoti anche che è stanco e che se continua così cambierà lavoro, perché non viene pagato quanto merita.

Che cosa pensi, a questo punto?

Speri solo che la cena si concluda presto e che non tornerai più in quel posto. E probabilmente le persone sedute ai tavoli vicini pensano la stessa cosa.

Al momento di pagare il conto, ti chiedono com’è andata; rispondi educatamente: “Tutto bene, grazie”, ma in cuor tuo pensi che lì non ci metterai più piede.

Questo esempio ti fa capire come è facile lasciarsi prendere la mano, soprattutto per un Trainer, perché il fatto che tu debba seguire un cliente anche per molti mesi ti dà la possibilità di sfogarti con lui; tanto, mentre sta sul Tapis roulant gli fai compagnia e gli fai passare il tempo… ma è uno sbaglio! Non puoi comportarti così, altrimenti ti sarà difficile trovare nuovi clienti e di sicuro nessuno ti farà pubblicità.

Se non vuoi commettere più errori grossolani e vuoi migliorare te stesso, guadagnare di più e distinguerti sul mercato, devi seguire un Metodo collaudato che ti porterà al successo, basato su

4 pilastri fondamentali:

  • L’approccio al cliente, per migliorare la percezione della persona che hai di fronte.
  • La comunicazione appropriata, per dare al tuo cliente e ricevere da lui i “messaggi” in modo corretto.
  • L’allenamento adeguato al tipo di risultato da far raggiungere al cliente.
  • Il modo giusto di “vendere senza vendere”.

Questi sono i 4 segreti che fanno la differenza tra un Personal Fitness Coach, che li conosce, li applica, e porta i suoi clienti a raggiungere i loro obiettivi, e un Personal Trainer, che spesso è costretto a “svendersi” e a lavorare troppe ore al giorno in un mercato ormai fin troppo saturo. 

Decidi tu cosa vuoi fare “da grande”!!!

Luca Ruggeri Personal Fitness Coach

PFC Italia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *